You are here

Home

Madre di famiglia e regina delle ladre Nel suo «caveau» mille borse di lusso 48 anni, benestante: usciva dalle boutique con le borse in spalla In tre anni ha collezionato furti per 600 mila euro

GRAN BRETAGNA

Madre di famiglia e regina delle ladre
Nel suo «caveau» mille borse di lusso 

48 anni, benestante: usciva dalle boutique con le borse in spalla
In tre anni ha collezionato furti per 600 mila euro

 

Jayne Rand, 48 anni, arrestata
Lo schema era ormai collaudato: entrava da House of Fraser (catena di lusso con una sessantina di negozi sparsi in tutta la Gran Bretagna), gironzolava per un po’ fra gli oggetti in bella mostra, quindi prendeva una delle costose borse griffate esposte (rigorosamente Prada, Gucci, Louis Vuitton, Dior o Mulberry), ne rimuoveva il dispositivo anti-taccheggio e se la metteva tranquillamente in spalla, uscendo dallo store come se nulla fosse. In questo modo, nel giro di tre anni un’insospettabile madre di famiglia di Purton, nei Cotswolds, ha collezionato qualcosa come 905 borse e 4 portamonete. Tutti firmati e tutti, ovviamente, rubati, per un valore di 500 mila sterline (pari a 600 mila euro), calcolato tenendo conto del margine di profitto dei singoli negozi sulla merce sottratta.
 
REGINA DELLE LADRE - A beccare la 48enne Jayne Rand letteralmente con le mani nel sacco è stato un addetto alla sicurezza del negozio House of Fraser di Cwmbran, nel Galles del Sud, che l’ha sorpresa mentre inscenava la consueta pantomima, facendola così arrestare. Ma è stato solo studiando le registrazioni delle telecamere a circuito chiuso degli altri store che la polizia ha potuto ricostruire la fitta rete di taccheggi messa in atto dalla Rand (una media di un furto al giorno dal 2009 al dicembre dell’anno passato), eletta a pieno titolo «la più grande ladra di borse griffate di Gran Bretagna» fra lo sconcerto del marito Phil, che gestisce con lei uno studio di consulenza architettonica, e delle due figlie, Gemma e Amber, tutti all’oscuro dei traffici illegali della donna. «Dire che siamo sorpresi è davvero un eufemismo – ha commentato un vicino di casa al “Daily Express” – perché nessuno di noi se lo sarebbe mai immaginato. I Rand sono una così bella famiglia e lei poi è una brava moglie e mamma, una donna tranquilla e rispettabile, non il tipo che vedi in giro con una borsa diversa ogni settimana».
BORSE RIVENDUTE - E infatti delle 905 borsette rubate la signora Jayne ne ha poi rivendute 838 alle amiche, a prezzi di favore, intascando oltre 80 mila sterline (quasi 96 mila euro). Denaro di cui fra l’altro la famiglia (che vive in una villa da 700 mila sterline e possiede diverse proprietà) non avrebbe nemmeno avuto bisogno, come confermano anche gli stessi vicini, secondo i quali «le finanze dei Rand sono assolutamente floride». Davanti alla Newport Crown Court ieri Jayne Rand (che quando è stata fermata aveva altre due borse rubate in auto) si è dichiarata colpevole di taccheggio e anche se è stata rilasciata su cauzione in attesa della sentenza, prevista a fine mese, il giudice Rhys Rowlands l’ha già avvisata di prepararsi al peggio, ovvero a passare parecchi anni dietro alle sbarre, «perché le prove contro di lei sono schiaccianti e dimostrano come in questi anni abbia gestito un vero e proprio business, del valore di decine di migliaia di sterline».

http://www.corriere.it/esteri/13_ottobre_01/ladra-borsette-seriale_60c794a6-2a83-11e3-b898-f13adc0c04f6.shtml

language_name: 
italian